Archivio per la categoria ‘2.0 Marga Zen’

Paura e coraggio

Pubblicato: 14/01/2012 in 2.0 Marga Zen

di Rita Salvi

Si parla sempre più spesso di sincronismo, di coincidenze ed è incredibile come, al momento in cui penso di scrivere un articolo sul tema della paura e del coraggio (con un’unica alternativa l’amore), si pubblicizzano corsi sul tema del coraggio.

Bene sono sincronica con te che leggi e con voi che state per guidare altri individui su questa tematica.

Attualmente nel mondo possiamo notare un’onda globale che vuole travolgere più umani possibili, l’onda chiamata paura.

Paura del domani, della guerra, della solitudine, della malattia, della vecchiaia, della scarsità materiale….
Il mio maestro e insegnante Veeresh, porta un bel nome “Coraggio oltre la paura” e una cosa grande che ho imparato da lui circa 20 anni fa è stato:

trasformare la paura in eccitazione.

Pochi giorni fa qui a Viezza, ho percepito il terremoto, che aveva l’epicentro proprio sotto il paese di Bagno di Romagna a pochissimi km da qui.
Un attimo di consapevolezza e la fortuna di poter dormire in una yurta mongola fissata su una base flessibile hanno reso la paura, la preoccupazione, l’ansia di non sapere cosa stava succedendo nel resto del mondo, in eccitazione.

Respirare al ritmo di madre terra che sta partorendo, la sensazione di vivere con lei pancia contro pancia, tutte le scosse come delle doglie ravvicinate, è stata un’esperienza incredibile, eccitante.

Certo non ho quasi dormito per tutta la notte, visto le scosse ravvicinate ma è stato un momento veramente magico e potente.

Ora la paura se non è gestita con consapevolezza, può farci brutti scherzi, ma in genere è una reazione utile al pericolo.

La cosa peggiore è la paura creata dal mentale su fattori non reali:

esempio la paura del domani, di perdere il lavoro, di diventare  povero, di ammalarsi, di rimanere soli,ecc..

La società cerca di incanalare gli essere meno consapevoli nelle morse della paura che non ti permette più di rischiare e di avventurarti nel nuovo.

Una paura generale di scarsità sta creando una mancanza di sogni, di creatività, di amore per le cose semplici.

La paura è il contrario dell’amore:

PAURA-CHIUSURA

AMORE-APERTURA

Il CORAGGIO è la chiave.

Coraggio di osare, di rischiare, coraggio vuol dire:

AFFRONTARE CIO’ CHE TI FA PAURA ad occhi aperti e testa dritta!

In bioenergetica si usa urlare a squarciagola qualsiasi cosa, quando parti all’attacco o quando sei di fronte a ciò che ti fa paura,

perché?

Perché l’ Amore è Vita

Dove c’è Vita c’è respiro-soffio vitale
Dove c’è Paura c’è Morte fine del respiro vitale.

Affrontare le tue paure può essere la cosa più eccitante che tu abbia mai fatto….ma ci devi saltare dentro a piedi pari!

Contro il grigiore di questi tempi-italiani, così morti, lenti, tristi…per favore

Saltate a piedi pari nei vostri sogni, create qualcosa, cantate a voce alta, ballate, create, ridete, non state ad ascoltare chi vi vuole terrorizzare con il disfattismo e il negativismo,

giratevi dalla parte del sole, guardate in alto dove c’è un po’ di cielo blu e associatevi all’Universo.

With love
Marga  

 

Buongiorno e benvenuti in Mongolia…..ops…quasi quasi mi sbagliavo: in Romagna.
Non capita tutti i giorni di vedere una vera yurta mongola, anzi GHER.
6 mt di diametro, fatta solo ed esclusivamente con feltro di lana e legno, interamente fatta a mano e proveniente dalla Mongolia (grazie alla mia amica DULAM),
Un ospite di riguardo mi ha confessato di essere stato in Cina e Mongolia in vacanza e non ne ha vista una da vicino, incredibile.
Qui puoi vedere dal vivo come è fatta, a cosa servono i vari pezzi di cui è composta, dormirci dentro se vuoi, e fare una bella foto ricordo per i  tuoi amici prima di partire per davvero in Mongolia ( o Siberia dove si chiamano yurte).
Se vuoi puoi portare i tuoi bambini o i tuoi studenti se sei un’ insegnante.
Le yurte o Gher sono poche in Italia, ne puoi vedere sul sito
(organizzano anche viaggi culturali in Mongolia)
Non perdere questa occasione durante le vacanze estive
Puoi venire quando vuoi previo appuntamento tel. al 3398655345
chiedi di Marga
o visita il sito
Vi aspetto
Marga

Marga Zen, counselor olistico e collaboratrice del settimanale online Living on Air Magazine, in un intervista a Radio Linea n°1

LA REDAZIONE

Una lettera da Viezza…

Pubblicato: 10/04/2011 in 2.0 Marga Zen

Ecco una lettera inviatami dalla mia carissima Amica Marga…

Carissimo Ganesha,

dopo una lunga, dura ma piacevole giornata sotto il sole di Viezza a scavar buche nel mio giardino per piantare domani pali di castagno..

ascoltando toccata e fuga di Bach, ti scrivo:

sono felice e sto bene, malgrado la schiena bruciata dal sole.

La mia voglia di scrivere articoli in momenti come questi, di sublimazione dopo essere stata a contatto con la natura tutto il giorno, si accrescono e hanno un senso.

In concomitanza con la prossima intervista con Paola Pela di Radio linea1 e la mia prossima mostra qui ad Alfero, sento che è una buona cosa scrivere un prossimo articolo per la tua/ nostra rubrica sul tema dell’ENERGIA.
Mai come ora, (nel momento in cui la natura si risveglia, gli uccelli cominciano a cantare sugli alberi alla mattina alle 5 e il sole tramonta colorando di rosa le montagne alle 8 di sera), la meditazione ha un senso.

Meditare è ascoltare, ascoltare e amare,

la natura che ci circonda e che ci nutre, se la sappiamo rispettare!
Ho vissuto per 20 anni, residente, tra 2 grandi capitali europee: Parigi e Amsterdam e per altri 20 anni circa in grandi città italiane.

Quale enorme differenza tra l’aria che respiri a Torino o a Parigi in un parco cittadino, con l’aria dei monti.
Quale enorme differenza il silenzio in una via del centro alle 5 del mattino e il silenzio della montagna.

Madre natura fa del suo meglio dovunque:

facendo spuntare un fiore tra due sanpietrini in città e germogliare una quercia, da una ghianda sepolta tra due sassi in mezzo all’erba dopo un inverno di neve, pioggia e gelo.
La natura fa sempre del suo meglio!

Anche noi, facciamo parte della stessa natura e facciamo del nostro meglio, a volte i risultati non sono gli stessi…..il dolore degli sbagli è a volte letale!

Ma dobbiamo imparare da questi errori, essere clementi, umili e ammettere che nell’errore va accettata anche la sconfitta.

Quale sorpresa nell’attimo dell’iniziale Big Ben!?

Cosa ci fosse prima è ancora teoria e cosa ci sarà dopo di noi lo è altrettanto.

In tanta bellezza questi pensieri mi percorrono la mente, troppo sole, qualcuno potrebbe dire…troppa gioia in fondo al cuore direi io.

Cari amici lettori,

ENERGHIA siamo noi, è tutto ciò che ci circonda, sono i nostri pensieri, le nostre idee, i nostri sogni, le nostre emozioni.

La PRIMAVERA, malgrado i disastri del mondo, ancora si ripete, come una meravigliosa “Premiere”, magica, offerta dall’esistenza per noi che abbiamo occhi per vedere, orecchi per udire e un cuore per lodare.
Questo è un invito per uscire di casa, dall’ufficio, dalla mente cittadina e fermarsi a meditare con la stessa innocenza di chi vede per la prima volta.
Poco importa se siete in un vicolo cieco o in mezzo all’oceano, ricorda:

forse un giorno tutto questo non ci sarà più….

Allora goditi questo istante, FELICE e FRESCO come non mai!!
Dovunque tu sia ti auguro

GIOIA, AMORE  E GRATITUDINE, perché se ci sei c’è sicuramente una ragione, l’esistenza ti ha invitato a partecipare anche quest’anno a questa “premiere”spettacolare.

Il sole ancora splende, gli uccelli ancora cantano e tu sei ancora qui per partecipare all’evento.

Much love
Marga


Marga Zen, counselor olistico e collaboratrice del settimanale online Living on Air Magazine, in un intervista a Radio Linea n°1

LA REDAZIONE

Tutto ciò che può accadere

Pubblicato: 15/03/2011 in 2.0 Marga Zen

Cari amici, tutto ciò che può accadere sta accadendo…

Possiamo vivere gli eventi con fatalismo, non curanza, con distacco e con riserbo, oppure possiamo accogliere le vicende che scuotono il pianeta da qualche anno con un ritmo crescente come avvertimenti utili e necessari perché si possa cambiare… in meglio.

Se una spia rossa si accende nel cruscotto della mia auto, posso ignorarla e fare finta di nulla, posso imprecare perché accresce la mia ansia a proposito di un evento sconosciuto che sta per succedere o posso ringraziare a tecnologia che mi avvisa con una semplice lucetta rossa che c’è un problema da qualche parte e che molto probabilmente se non lo trascuro sarà risolvibile.

Ora, gli tsunami già successi pochi anni fa ed ora in Giappone, i recenti terremoti, incluso l’ultimo non fanno altro che renderci consapevoli della nostra fragilità su questo pianeta, ben più forte di ogni nostra tecnologia.

Possiamo chiuderci nella paura e nell’egoismo, oppure possiamo fermarci a riflettere sul significato della nostra esistenza.

Siamo solo visitatori in questo meraviglioso pianeta e dovremmo onorarlo e rispettarlo, curarlo con lungimiranza e amore.

Tutte le profezie di cui si parla sempre più spesso, parlano della fine di un tempo di oscurità e di un nuovo inizio di pace e di nuova vita.
Perché ciò accada è importante che noi siamo i primi ad essere presenti e vigili in questo cambiamento, operando in noi stessi una profonda trasformazione di consapevolezza e onestà individuale.

Vi invito a visionare un meraviglioso documentario che sto facendo girare su facebook e internet intitolato HOME.

E’ stato girato nei luoghi più reconditi e superbi del nostro pianeta dal regista francese Luc Besson in collaborazione con equipes di scienziati e supportati finanziariamente da grandi imprese francesi e internazionali della moda e della cultura.

Trovo che sia un messaggio veramente utile e onesto su ciò che sta avvenendo sul nostro pianeta e sulle possibilità del genere umano di avanzare o di retrocedere in questa esistenza che ci è data da vivere.

Trovo che, viste le ultime vicende terribili che ci interessano da vicino, (lo spazio-tempo non è così dilatato ai nostri giorni…) questo filmato sia estremamente utile per chiarire e informare in maniera obiettiva ciò che E’ NEL NOSTRO PIANETA ORA.

Buona visione e buona riflessione

Marga

HOME
su youtube tramite
www.goodplanet.org
In tutte le lingue
http://www.youtube.com/homeproject#p/a/u/0/I1fQ-3-CEFg

RICORDIAMO A TUTTI I LETTORI INTERESSATI, CHE MARGA ZEN SARA’ PROTAGONISTA DI UNA SERIE DI 4 INCONTRI/INTERVISTE RADIOFONICHE IN ONDA OGNI GIOVEDI’ ALLE 18.05 SULL’EMITTENTE RADIO LINEA 1. LE TRASMISSIONI SARANNO CONDOTTE DA PAOLA PELA ED AVRANNO COME TEMA L’ENERGIA SOTTO IL PUNTO DI VISTA ESOTERICO – OSPITE IN STUDIO, MARGA ZEN!

Viezza Natale 2010

Pubblicato: 03/01/2011 in 2.0 Marga Zen

Mentre il mondo avanza lentamente, al suono delle zampogne natalizie, chiusa e rinchiusa tra monti e fiumi carichi di acque gelide ma pure e incontaminate, (per ora), mi siedo e medito.

Penso a come deve essere oggi o domani, gli ultimi giorni di follia davanti ai negozi pieni di tante cose che alcuni desiderano da tempo…ed ora è il momento.

Ora o chissà quando, forse mai più.

Penso a chi sarà felice di acquistare e chi sarà felice di vendere.

Penso a chi odia le feste, a chi non potrà comprare nulla e a chi non sa nemmeno che si può desiderare qualcosa ora, perché ora…un omone vestito di rosso esaudirà i suoi desideri!

Penso al piccolo capriolo che mi ha attraversato la strada, cercando cibo al campeggio degli alpini, chiuso.
Anche lui cerca e desidera qualcosa: cibo!
Per la sua sopravvivenza, intorno 40-50 cm di neve gelida gli impedisce di trovare l’erba che per lui ha più sapore e colore di qualsiasi altro “souvenir” umano.

Penso all’arcobaleno splendido che oggi era proprio sopra la mia casa, in montagna, come un segno divino di speranza…tra tante difficoltà e amarezze…

Penso a Green Peace che desidera comperare una nuova rainbow warrior per navigare i mari e proteggere le speci marine che noi stupidamente uccidiamo con le nostre grosse-grasse navi da crociera.

Penso a quanto è bello e magnifico questo pianeta, verde, azzurro, rosso e rosa…pieno di profumi e colori.

Pieno di sorrisi, pieno di gioie e di amore.

Penso a come potrebbe essere ancora più bello se fossimo più consapevoli e meno superficiali nelle nostre azioni quotidiane.

Potremmo cercare i profumi dell’India anche in Calabria,

potremmo cantare e ballare per strada anche a Torino e a Perugia…
potremmo abbracciare il nostro prossimo non solo alla Humaniverity o a Poona Resort, ma anche per strada, quando usciamo di casa o dal bar all’angolo.

Non sarebbe stupendo?

Pensa se tu fossi il primo ad agire in libertà e amore, cosa faresti domani mattina?
Medito in silenzio davanti al fuoco della mia stufa a legna, felice del calore che irradia in tutta la casa.

Medito felice nel suono profondo del silenzio che mi circonda questa notte…tra il rumore del fiume che scorre a valle e porta il suo forte borbottio fino a qua.
Penso al mio amico pettirosso che mi osservava curioso oggi sul ramo dell’olmo e mi chiedo se domattina ci saranno ancora le ghiande che ho lasciato davanti a casa….per un eventuale ghiro o scoiattolo o chissà chi altro verrà furtivamente a mangiarle stanotte!

 

Penso a chi mi legge su questa rubrica, se sarà furtivo come colui che mangerà le mie ghiande, o se sarà come il pettirosso sul ramo, che farà capolino… per avvicinarsi prima o poi alla casa.

Love

Marga Zen