LA DISUNITA’ D’ITALIA, 151 ANNI DI DISEQUILIBRI NORD-SUD

Pubblicato: 07/07/2012 in 1.1 dal mondo, 1.6 economia, 3.1 QUELLO CHE NON SAI...

di Dominic Salamone

L’Italia è stata fondata 151 anni fa con l’annessione del Regno delle 2 Sicilie al Regno di Sardegna. Un’ unità che si è dimostrata l’ennesima divisione per questa penisola. Una penisola spaccata al Nord con tutti i settori all’avanguardia mentre un Sud nel degrado più assoluto anche se 151 anni fa le cose erano invertite. E’ da 130 anni che esiste questa questione meridionale che nessuno ha saputo risolvere. Perché? Perché la situazione fa comodo cosi. E’ importante che il Sud di questo paese non cresca sia dal punto di vista economico ma soprattutto dal punto di vista dell’istruzione. Hanno ridotto Napoli, una capitale europea che primeggiava nel mondo insieme a Londra e Parigi, in un inferno, hanno distrutto la potenza industriale che stava crescendo in Calabria, hanno cancellato i primati agricoli che avevano la Sicilia e le Puglie. Il Sud viene continuamente tartassato dai mass media come un far west, come un luogo abbandonato da Dio e ci chiediamo ormai da anni il perché. La differenza tra il Nord e il Sud la fa la politica. Nel Sud esistono delle gerarchie politiche che governano questo paese da anni, ma la politica nazionale non ha fatto nulla per rimuovere queste caste, semplicemente perchè sono utili per portare voti attraverso il clientelismo. A livello di produzione industriale non esiste nessuna differenza   tra nord e sud, l’unica differenza incide nel guadagno, nel Sud i controlli e la pressione fiscale risultano essere 2 volte superiore al nord. La Lega Nord accusò Equitalia di non aver fatto controlli fiscali al sud, cosa assolutamente falsa. Molte imprese meridionali hanno chiuso. Inoltre ditte settentrionali hanno comprato appalti edilizi nel meridione creando una speculazione ai danni del Sud. La questione meridionale è necessaria ed è fondamentale per l’Italia affinché i politici possano raccogliere consensi. Ma vi siete chiesti chi paga la nuova manovra effettuata da Monti? La paga il Sud con i tagli alla sanità pubblica e alla giustizia e questo significa un maggior numero di disoccupati. Nel sud migliaia di giovani, di padri di famiglia perdono il lavoro e vengono abbandonati dalle istituzione e questo è il terreno fertile per la crescita della criminalità organizzata. Una criminalità organizzata che si sta diffondendo, anzi che è sempre stata diffusa al nord ma soltanto ora i mass media se ne sono accorti. Il problema risiede nell’origine di questa nazione. In questo paese ci sono 2 pesi e 2 misure . Se il Sud non cresce di conseguenza non crescerà neanche l’Italia ma i politici l’hanno già capito e di conseguenza vogliono portare a compimento il federalismo fiscale il prima possibile, un altro provvedimento che indicherà fallimento per il Sud. Ma il Sud può e deve riscattarsi. Vibo Valentia e Crotone sono le città meno indebitate della penisola mentre Milano e Torino risultano essere le più indebitate. I meridionali devono credere nella loro forza perché chi è stato “Padrone” del sud ha sempre avuto un popolo di elevata cultura. Il Sud potrebbe rinascere dall’agricoltura ma anche dal turismo considerando che ogni singolo paese ha una sua determinata storia.  Il problema però che il SUD non crescerà finchè esiteranno le idee della Lega perché queste non esistono solo nel partito LEGA NORD ma anche negli altri partiti di Destra e Sinistra. I Cittadini meridionali non potranno mai diventare tali finchè i libri di Storia non racconteranno il loro glorioso passato semplicemente perché chi non conosce il suo passato non può avere futuro ma chi detiene il potere in Italia questo lo sa benissimo.

(fonte foto: web)

commenti
  1. michele scrive:

    Sono completamente concorde con quanto sopra citato. Mi chiedo come possa, il sud, tutti quanti insieme dare la scossa ad un sistema marcio e corrotto. ci vorrebbe una scintilla che desse il là ad una rivoluzione, ad un nuovo risorgimento italiano. Ci sono altri problemi da risolvere affinchè possa avvenire tutto cio: vedi l’ignoranza di molti giovani, l’indifferenza di coloro che avendo raggiunto uno stato sociale che li grata sono indifferenti ai problemi che gli altri sono assoggetati.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...